Apocalisse - Aquila e Priscilla

La salute dà anni alla vita, ma solo l'amore dà vita agli anni
Aquila e Priscilla
Il Mondo di
Vai ai contenuti

Apocalisse

Aquila e la fede > Introduzione al N.T.


Gesù Cristo. Icona russa, sec. XIX. Bari, Basilica di San Nicola.
Le sette Chiese dell'Apocalisse. Pergamo(Bergama), Tiatira(Akhisar), Sardi(presso Salihli), Filadelfia(Alasehir), Smirne(Izmir), Efeso(presso Selcuk), Laodicea(presso Denizli).
L'apertura dei primi quattro sigilli con la visione dei quattro cavalieri. Affresco di lattanzio Gambara, 1530-1574. Rodengo-Saiano, Abbazia

Composta sullo scorcio del I secolo e divenuta uno dei testi biblici più affascinanti nella storia della tradizione e dell'arte cristiana, l'Apocalisse (in greco, "Rivelazione") è un'opera di grande potenza e suggestione, proveniente dall'ambito delle Chiese giovannee dell'Asia Minore, come attestano le lettere indirizzate alle sette comunità di Efeso, Smirne, Pergamo, Tiatira, Sardi, Filadelfia e Laodicea, presenti nei capitoli 2-3. Anche se il linguaggio e i simboli appartengono al genere "apocalittico", una corrente letteraria e teologica molto diffusa nel giudaismo di quell'epoca, il libro si auto definisce "profezia" (1,3 e 22,7.19), cioè interpretazione dell'azione di Dio all'interno della storia.

Infatti, anziché essere un infausto oracolo sulla fine del mondo, come spesso si è creduto, l'Apocalisse è un messaggio concreto di speranza rivolto alle Chiese in crisi interna e colpite dalla persecuzione di Babilonia o della prostituta o della bestia, cioè della Roma imperiale, perché ritrovino fermezza nella fede e coraggio nella testimonianza. Il fine ultimo verso cui sta muovendosi la storia non è il trionfo del drago, simbolo del male, ma quello dell'Agnello, cioè Cristo, e alla Babilonia devastatrice subentrerà per sempre la Gerusalemme della pace e della vita.

Il libro è tutto costellato di simboli e di segni, tra i quali dominano i settenari posti al centro della composizione, nei capitoli 6-15: i sette sigilli spezzati, le sette trombe risuonanti, i sette angeli con le sette coppe del giudizio. Colori, animali, sogni, visioni, numeri, segni cosmici, città sono le componenti di questa interpretazione della storia alla luce della fede e della speranza.

All'inizio e alla fine dell'opera si hanno le due scene decisive: da un lato, la corte divina con l'Agnello-Cristo e il libro della storia umana (capitoli 4-5); dall'altro, l'affresco del duello definitivo tra Bene e Male, tra la Prostituta imperiale e la Sposa ecclesiale, suggellato dall'epifania della Gerusalemme celeste, ove si attende la venuta in pienezza del Cristo salvatore (capitoli 16-22).

stampa pagina

www.aquilaepriscilla.it
Privacy Policy
Torna ai contenuti