inni_a_maria - Aquila e Priscilla

La salute dà anni alla vita, ma solo l'amore dà vita agli anni
Aquila e Priscilla
Il Mondo di
Vai ai contenuti

inni_a_maria

Aquila e la fede > Ave Maria

INNI A MARIA


BEATA TE MARIA!
Beata te, o Maria, figlia di povera gente, che divenisti madre del Signore dei re, e nel tuo ventre dimorò santamente quello della cui lode sono pieni i cieli!Beato il petto che amando lo allattò, e le tue braccia che lo strinsero: tu fosti un cocchio e portasti Dio, fiamma d'amore!Beata te, o madre piena di beni: poiché ecco che tutte le generazioni ti proclamano beata con voce grande e sonora, a motivo del nato che spunta da te; e le isole e le nazioni tutte quante con i loro popoli ti dicono beata!
(S. Efrem Siro - IV secolo)


CANTICO DEL FIORE
L'inverno è passato.Con la tua benedizione è giunto il tempo in cui Dio inonda la terra della bellezza dei fiori.O Maria, la tua stagione è la primavera: dona al mio giardino il tuo soave profumo.Spicchio di melagrana la tua gota: il mio cuore ne è entusiasta.I tuoi miracoli sono più numerosi dei grani delle spighe o dei chicchi dei grappoli d'uva.E lo Spirito proclama: "E' giunto il tempo della messe!".Nella chiesa piena di fiori il tuo nardo prezioso mi attira sulla strada della salvezza.Fammi fuggire con l'agilità del cervo l'infido serpente, dal veleno mortale.Chi poteva riaprire la porta del giardino da cui furono scacciati i nostri progenitori, se non la tua giustizia?Rallegrati, Maria: per te Adamo ritorna dall'esilio ed Eva, in mezzo ai fiori, esulta ricolma di gioia.
(Inno della Liturgia etiope Mahlèta Tsegé)


CONSACRAZIONE DELLA FAMIGLIAAL CUORE IMMACOLATO DI MARIA
Cara e tenera nostra Madre Maria, eccoci riuniti intorno a Te per affidarti e consacrarti questa famiglia, che vuole appartenerti totalmente, essere in umile e generoso servizio per farti conoscere ed amare. Noi tutti ci affidiamo al tuo Cuore Immacolato, Ti affidiamo tutto ciò che siamo, tutto ciò che abbiamo, le nostre debolezze, le nostre aspirazioni, la nostra vita. Tutto quanto è in noi, o Maria, lo affidiamo al Tuo dolcissimo Cuore perché Tu possa trasformarlo e renderlo accetto e più degno del Sacro Cuore di Nostro Signore Gesù Cristo. Custodisci la nostra mente, il nostro cuore, i nostri sensi, affinché non commettiamo mai il peccato; santifica i nostri pensieri, affetti, parole ed azioni, perché possiamo piacere a Te e al Tuo Figlio Gesù. Custodisci, proteggi ed accompagna questa famiglia, piccola chiesa domestica che a Te si consacra; rendila una vera oasi di Pace perché attraverso la testimonianza sia un segno vivente della presenza del Regno di Gesù e della Sua Pace che Egli stesso ha voluto affidare al trionfo del Tuo Cuore Immacolato.


INVOCA MARIA
tu, che nell'instabilità continua della vita presente t'accorgi di essere sballottato tra le tempeste senza punto sicuro dove appoggiarti, tieni ben fisso lo sguardo al fulgore di questa stella se non vuoi essere travolto dalla bufera. Se insorgono i venti delle tentazioni e se vai a sbattere contro gli scogli delle tribolazioni, guarda la stella, invoca Maria! Se i flutti dell'orgoglio, dell'ambizione, della calunnia e dell'invidia ti spingono di qua e di là, guarda la stella, invoca Maria! Se l'ira, l'avarizia, gli incentivi sessuali squassano la navicella della tua anima, volgi il pensiero a Maria! Se turbato per l'enormità dei tuoi peccati, confuso per le brutture della tua coscienza, spaventato al terribile pensiero del giudizio, stai per precipitare nel baratro della tristezza e nell'abisso della disperazione, pensa a Maria! Nei pericoli, nelle angustie, nelle perplessità, pensa a Maria, invoca Maria!Maria sia sempre sulla tua bocca e nel tuo cuore. Per ottenere la sua intercessione, segui i suoi esempi. Se la segui non ti smarrirai, se la preghi non perderai la speranza, se pensi a lei non sbaglierai. Sostenuto da lei non cadrai, difeso da lei non temerai, con la sua guida non ti stancherai, con la sua benevolenza giungerai a destinazione!
(S. Bernardo di Chiaravalle - XII secolo)


RICORDATI
Ricordati, o piissima Vergine Maria, che non si è mai inteso al mondo che alcuno sia ricorso alla tua protezione, abbia implorato il tuo aiuto, chiesto il tuo patrocinio e sia stato da te abbandonato.Animato da una tale confidenza a te ricorro, o Madre, Vergine delle vergini, a te vengo, e, peccatore come sono, mi prostro ai tuoi piedi a domandare pietà.Non volere, o Madre del divin Verbo, disprezzare le mie preghiere, ma benigna ascoltale ed esaudiscile.Amen.
(S. Bernardo di Chiaravalle)


STELLA DEL MARE

Ave, stella del maremadre gloriosa di Dio,vergine sempre, Maria,porta felice del cielo.'Ave del messo celestereca l'annunzio di Dio,muta la sorte di Eva,dona al mondo la pace.
i legami agli oppressi,rendi la luce ai ciechiscaccia da noi ogni male,chiedi per noi ogni bene.
madre per tutti,offri la nostra preghiera,Cristo l'accolga benigno,lui che si è fatto tuo figlio.
santa fra tutte,dolce regina del cielo,rendi innocenti i tuoi figli,umili e puri di cuore.
giorni di pace,veglia sul nostro cammino,fa' che vediamo il tuo figlio,pieni di gioia nel cielo.
all'altissimo Padre,gloria al Cristo Signore,salga allo Spirito Santol'inno di fede e di amore. Amen.
(Inno della Liturgia delle ore)


TI SALUTIAMO

salutiamo, Maria, Madre di Dio,venerando tesoro di tutto l'universo,fiaccola inestinguibile,corona della verginità,scettro della vera fede,tempio indistruttibile,santo verginale gremboche hai contenuto l'Incontenibile!Per te è glorificata e adorata la Trinità!Per te esulta il cielo,si allietano gli angeli,sono messi in fuga i demoni!Per te tutta la creazione,schiava dell'idolatria,perviene alla verità!Per te il santo battesimoe l'olio dell'esultanzaraggiungono i credenti!Per te sono fondate le chiese su tutta la terrae si convertono le genti.
(S. Cirillo d'Alessandria - V secolo)


TU VEGLI

vegli su ciascuno di noi,o Madre di Dio.I nostri occhi, è vero,non ti possono vedere, o Tuttasanta,ma tu sei ugualmente presentein mezzo a noi,manifestandoti in diverse manierea coloro che tu giudichi degni....Veramente,lo ripeto nell'esultanza dell'animo,sebbene tu abbia abbandonato la terra,non ti sei però allontanatada questo mondo che si spegne,anzi ci somministri la vita immortale,ti avvicini a quanti ti invocano,ti fai conoscere a chi fedelmente ti cerca.
(S. Germano di Costantinopoli - VIII secolo)


Pagina iniziale   Stampa pagina

www.aquilaepriscilla.it
Privacy Policy
Torna ai contenuti